Regolamento

1. Pagare il biglietto alla cassa prima di prendere posizione al laghetto. Il biglietto (o lo scontrino) deve essere conservato per tutto il turno di pesca.
2. Se si utilizzano guadini e nasse proprie, è necessario disinfettarle nell’apposita vasca prima di immergerle nell’acqua del laghetto.
3. Le sole esche consentite sono: camole del miele e lombrichi. È vietato introdurre nel lago qualunque altro tipo di esca.
4. È vietato pasturare i pesci.
5. Si pesca con galleggiante montato e un solo amo per montatura al termine della lenza.
6. È proibito l’utilizzo di bombarde e vetrini (ghost).
7. È vietato pescare nella cascata.
8. È assolutamente proibito:
1. rampinare il pesce, anche involontariamente (se l’amo non è nell’apparato boccale, il pesce deve essere lasciato in acqua e rilasciato senza maltrattamenti);
2. pescare con reti, guadini, ecc.
9. LA MANCATA OSSERVANZA DELLE REGOLE PREVEDE L’ALLONTANAMENTO IMMEDIATO DAL LAGHETTO, IL SEQUESTRO DEL PESCATO e il mancato rimborso del biglietto pagato. La direzione può, inoltre, rifiutare l’ingresso ai recidivi.
10. A tutela della fauna ittica autoctona, i pesci pescati presso il laghetto devono essere trasportati all’esterno privi di vita.
11. Nel caso di condizioni meteo avverse, il biglietto non sarà rimborsato.
12. La Direzione non assume alcuna responsabilità per fatti e danni derivanti dall’esercizio di pesca.
13. I minori devono essere accompagnati.
I trasgressori del Regolamento sono passibili di denuncia alle autorità competenti.
S’invitano tutti i pescasportivi a collaborare e comunicare eventuali infrazioni fatte dai pescatori per tutelare l’ambiente e l’osservanza del regolamento.